Acquistare un Alloggio ERP

Informazioni relative all'acquisto di un alloggio ERP

I requisiti

Per poter acquistare un alloggio di edilizia residenziale pubblica l’assegnatario deve:

condurre l’alloggio a titolo di locazione da oltre cinque anni;

non essere moroso nel pagamento del canone e delle eventuali quote accessorie;

non possedere immobili o parti di immobili ad uso di abitazione che, in rapporto alla loro superficie, ubicazione e valore comportino la decadenza dell’assegnazione.

L’acquirente per un periodo di tempo di 10 anni, decorrenti dalla data di registrazione del contratto di compravendita e sino a quando non sia pagato l’intero prezzo, non può vendere a nessun titolo l’alloggio acquistato.

La procedura di vendita

L’ATER procede alla vendita degli alloggi di edilizia residenziale pubblica inseriti nel piano di vendita approvato dal Consiglio di Amministrazione dell’Ente.

Il prezzo di vendita è determinato in base alle disposizioni contenute nella legge numero 560 del 1993, moltiplicando per 100 la rendita catastale determinata alla momento della stipula.

Su questo prezzo si applica uno sconto del 1% per ogni anno di anzianità dell’alloggio fino ad un massimo del 20%.

Il pagamento in contanti del prezzo di vendita dell’alloggio dà diritto ad uno sconto del 10%; se l’assegnatario sceglie la forma di pagamento rateale potrà corrispondere l’importo dovuto al netto dell’anticipo, pari al 30%, in un periodo massimo di 15 anni al tasso di interesse pari a quello legale.

Eventuali opere abusive non regolarizzate compromettono la vendibilità dell’alloggio.

 

Le spese notarili per la stipula dell’atto di compravendita sono totalmente a carico dell’acquirente.